Non si sfugge alla regola: basta farsi notare che subito qualcuno è pronto ad abbatterti. Le violette stavano male. Nel vaso col trifoglio, il cespuglio guadagnava sempre più spazio, fioriva quando non lo guardavo, ma i gambi con le tre fogliette tanto care agli irlandesi crescevano rigogliosi. Pensavo, però, che i trifogli dei prati erano più grassi e di un verde più intenso, mentre questi mi facevano venire in mente un sottobosco ombroso, di un verde più spento, ai piedi di un grosso albero da cui farsi proteggere e, magari, rubare succhi e altro. Trifogli parassiti. Ma non era questo che mi preoccupava. In quel vaso, le violette tolleravano l’esibizione edonistica del trifoglio, lasciavano correre, consapevoli di un fascino cromatico e di una dignità poetico-romantica che la pianta tripartita non avrebbe mai potuto raggiungere, nemmeno se l’avesse cantata il Petrarca, che mai si sognò di dedicare liriche al trifoglio.
Nel vaso accanto, invece, qualcosa era accaduto. Due delle tre piantine di violette stavano appassendo, come la loro omonima sul letto di morte nel terzo atto causa tisi. E nemmeno un Alfredo a regger loro una foglia. Mentre il cactus, sempre più eretto, faceva sfoggio di spine e turgore e il figlio spuntava dalla terra con le stesse intenzioni. La terza violetta, forse sentendosi minacciata da un’oscura presenza, emetteva boccioli a ripetizione e si faceva visitare da api e altri esapodi. Era in cerca di alleati, evidentemente.
Sull’ altra finestra, invece, la vita scorreva liquida senza variazioni: la violacciocca cresceva con le sue foglie lanceolate, ma senza emettere boccioli e accennare a imminente fioritura, contrariamente a quanto indicato sulla busta dei semi, mentre il quarto vaso restava come quelle strisce di territorio che si vedono nei film tra una frontiera e l’altra, aride, sterili, dove nulla cresce, per paura di essere conteso dall’uno o dall’altro: terra di nessuno e che nessuno vuole. Io, però, lo annaffiavo ugualmente la sera: come era nato il trifoglio, probabilmente per un seme portato dal vento, chi poteva sapere quale pianta avrebbe potuto mettere radici? Magari un banano o un cocomero.Esageravo naturalmente.
Sul luogo del delitto, intanto, si aggiungeva dramma a tragedia: l’agrodolce presenza che seguiva con compassione il mio patetico tentativo botanico, infilando il suo prezioso indice nel vaso, trasgredendo le auree regole della scena del crimine, riusciva a sradicare il figlio di Godzilla, cioè, il piccolo cactus. Per un momento mi sembrò quasi di vederlo dibattersi e contorcersi attorno alla falange della gigantessa, ma era solo un’impressione. L’espressione da “l’ho solo sfiorato e mi è rimasto in mano” della boscaiola improvvisata e la mia preoccupazione per la sorte degli esserini vegetali vittime di chissà quale misteriosa forza del male, mi fece desistere dal mandarla sul vaso a indagare da vicino su chi minacciasse le mie violette. Ficcato un dito nella terra e ripiantato il minicactus a una certa distanza dalla crime-scene – un minore non dovrebbe vedere certe cose – ho lasciato che la natura facesse il suo corso sperando che sopravvivesse. E forse è così. Ma non le violette, ormai senza speranza. “La tisi non le accorda che poche ore”, cantava il basso di Verdi. Ebbene, anche quelle erano trascorse.

Annunci