Tag Archive: medicina


Sono stupefatto e allibito dai deprimenti progressi della scienza medica. La specializzazione pare essere la pratica più deleteria che la medicina abbia intrapreso nell’ultimo secolo. I medici specialisti si concentrano esclusivamente su una parte del corpo senza tenere conto di tutto quello che c’è intorno, in prima istanza la persona. Dal punto di vista epistemologico è come se fossimo regrediti ad un’epoca che forse non è mai stata, dato che la specializzazione è un’invenzione moderna e la concezione olistica dell’umanità è probabilmente la più antica, ancorché negletta oggigiorno. Un paradosso filosofico-temporale.
Porto mia madre ad una visita cardiologica, poiché il geriatra mette in relazione l’andamento ritmico del cuore, degno di un batterista cubano ubriaco di rhum, con le visioni lisergiche che si presentano frequentemente nella sua mente come se fosse dedita a pratiche psichedeliche spinte. Lo spiego alla cardiologa, peraltro molto cortese e professionale, operante in un ospedale milanese davvero accogliente e ben organizzato, e quella mi risponde con una piega verso il basso delle labbra, come una U rovesciata e la punta delle cinque dita riunite a forma di fico agitate su e giù, come a dire: “Ma cosa si inventa il geriatra?” Io, che non sono cardiologo, geriatra, ma neppure medico o infermiere, mi limito ad incassare il giudizio negativo e chiedo: “Vuole dire che il ritmo squadrato del cuore non ha a che fare con le allucinazioni? Quello non provoca queste? E se fosse il contrario? Se le alterazioni audio-visive provocassero il fuori-tempo del cuore?”
“Può darsi, annuisce la dottoressa, ma non ne ho la certezza.” Mi viene da chiedere: “Cosa consiglia per evitare il ripetersi delle visioni psichedeliche?”, ma mentre formulo la domanda mi accorgo che è inutile, poiché sto parlando ad una cardiologa, che non riesce a spostare il suo sguardo, non solo clinico, dall’area compresa tra collo e ventre, con una breve escursione verso il braccio e il polso, per pressione e pulsazioni. E lei me lo conferma: “Sono una cardiologa, non mi occupo d’altro.” Ci salutiamo cordialmente. Tornato a casa scrivo una mail al geriatra facendogli notare il parere della collega sulla relazione tra rhum ed LSD o, se preferite, tra aritmia e stato allucinatorio. Mi risponde con queste righe:
E’ ben noto in letteratura (medica geriatrica, non cardiologica) che alterazioni del compenso cardiaco, anche secondarie a fasi di tachiaritmia, possano manifestarsi in termini di allucinazioni, stato confusionale nella persona anziana.
Capito? La letteratura geriatrica dice cose che la letteratura cardiologica neanche si sogna. Ma anche gli anziani, soprattutto gli anziani, hanno un cuore che va fuori tempo. Come mai la cardiologa non lo sa? Forse perché è abituata a curare cuori giovani? Possibile? Un cardiologo dovrebbe specializzarsi anche in geriatria? E se si specializzasse semplicemente in “cura del paziente”? Mi chiedo: quando ci si laurea in medicina cosa si prende in considerazione? Di curare un organo, una parte del corpo o le persone? È pure vero che il corpo umano è una macchina complessa, ma non è un automobile, che necessita di elettrauto, gommista e meccanico per funzionare, stiamo parlando di persone coscienti in difficoltà e coscienti delle proprie difficoltà, che, a quell’età, spesso si traducono in coscienza della propria inutilità. Non è possibile occuparsi solo di contrazioni muscolari, impulsi elettrici e valvole che scattano regolarmente, perché quello indica la propria specializzazione, come un carburatorista (esisteranno ancora?) si occupa di corpi farfallati e venturi e non se lo spunto offerto dalla batteria è sufficiente. La faccio facile, lo so, ma le scene a cui mi tocca assistere negli studi medici non mi incoraggiano. Come quella volta in cui accompagnai una mia amica dall’oculista e questi, nervoso, se la prese con un’anziana paziente che aveva male interpretato una cifra sul documento di prenotazione, gridando. “Ma non vede cosa c’è scritto?” — non accorgendosi di trovarsi nell’ambulatorio oculistico e di essere lui stesso un oculista, cioè colui presso il quale si recano le persone che non vedono bene allo scopo di vederci un po’ meglio. Quello si era addirittura dimenticato la specializzazione.

Annunci

Dice Benedetto XVI: meglio vegetare che morire.

Per una volta sono d’accordo. Incrementiamo il verde invece di estirparlo.