11222060_941759269229691_5288316262034182794_n

Incontrollabile. Mi angoscia.
Mi ha detto manipolatore. Chi non lo è?
La realtà non è mai giusta.
Migliorare? Si può. Si deve. Si crede. No.
Manipolare per stare meglio.
Percepire. Illudere. Illudersi. Controindicazioni. Fare male.
Ancora angoscia. Angoscia incontrollabile.
Ancora insicuro.
Incontrare il destino. Renderlo amico. Scriverlo.
Ineluttabile. Ecco.
Mi rassicura, deresponsabilizza, mi lascio andare.
Senza pensieri. Ci pensa lui. Scrive lui. Poi mi racconta.
Finalmente dormo. Tutta la notte.
Di più. Anche il giorno dopo.
Silenzio. Finestre chiuse. Il brusìo del traffico.
Non mi riguarda. Più. Lontano.
La temperatura della stanza è perfetta.
Sento l’aria sulla pelle. Si muove appena.
Non sento più niente. Sento.
Sento dentro una lama. Luce. Suono.
Mi spacca in due come un ceppo.
Giaccio. Ghiaccio.
Freddo mi ha detto. Per sopravvivere.
Devo incassare ogni colpo?
Le coltellate fanno male.
All’inizio. La prima. La seconda. Poi basta.
È più lo spavento. Il sangue.
Vedersi dentro. Rosso. Nero. Cos’altro?
Non c’è luce. Non c’è anima. Solo carne.
Non c’è pensiero. Solo umori.
Inganno. Ventimila anni di inganno.
Il cielo. Le stelle.
Noi non siamo. La luna è.
Di sasso. Non sente. Non pensa. Non cambia.
È. Vera. Guardala.
Non capisci. Non puoi.
Pensiero. Inganno.