Category: Barzellette


Una volta tanto il cronico ritardo nella consegna della corrispondenza da parte delle nostre beneamate Poste Italiane, le quali, invece di vendere libri, dischi e condizionatori d’aria potrebbero prodigarsi in quello che il nome lascerebbe intuire, nasconde una virtù: quello di smascherare la malafede e la ciarlataneria dei nostri politici.
Carmine Abagnale, un carneade che ha avuto la ventura di farsi inserire in qualche lista fortunosamente estratta alle ultime elezioni comunali di Milano e, per questo, è stato premiato con la presidenza della Commissione Sport e Tempo Libero e con la vicepresidenza delle Commissioni Sicurezza – Lavori Pubblici – Servizi Civici (come farà a seguire tutte queste cose solo Dio lo sa e l’Ufficio Personale del Comune che gli paga lo stipendio con i soldi dei contribuenti) ha scritto una lettera “natalizia” a mia madre, che è stata recapitata solo oggi. Certo, non è colpa dell’Abagnale, ma quello che scrive è un capolavoro di retorica retriva, “luogocomunismo”, ignoranza di ortografia e sintassi e palese malafede, considerate le imminenti elezioni. Sentite un po’:

Gentilissima (sarebbe mia madre),

le festività natalizie racchiudono in sé un che di speciale che induce alla riflessione ed al ricordo (due “che” in quattro parole la dicono lunga sugli studi fatti dal suddetto).
Anche Tu come me sei campano (a parte il Tu maiuscolo e fin troppo confidenziale, ma mia madre, casomai, è campana, a meno che l’Abagnale non volesse essere frainteso tacciando mia madre di fare dindondan ogni volta che apre bocca), anche Tu (e dai) come me vivi lontano dal Paese in cui sei nato (ma quale Paese maiuscolo? Mia madre è nata, non nato, in Italia, quindi non è lontana dal Paese, casomai dalla città, cioè Napoli) e – più che mai in questi giorni – i colori, i sapori ed i suoni del Natale dell’infanzia fanno da cornice al clima di gioia che l’Avvento del Bambinello introduce (introduce????) nei nostri cuori (cos’è, una valvola cardiaca? Abagnale, mia madre il Natale dell’infanzia se lo ricorda solo a Milano, dov’è arrivata che non aveva neanche 5 anni!).

Questa lettera di auguri è speciale (???), perché le nostre comuni radici affondano in Campania (sì, affondano è il caso di dirlo, come l’italiano che non hai studiato) (sono nato e cresciuto a Sant’Antonio Abate -NA -) (anche lì ci sarà pure stata una scuola, che non hai frequentato)

Il destino mi ha concesso di diventare Consigliere del Comune di Milano (Ma quale destino? Non ti sei presentato alle elezioni? Non hai fatto una campagna elettorale? Ti sei svegliato una mattina e ti sei trovato consigliere? Non è che hai convinto qualcuno a votarti?) ed in questa veste non dimentico né la mia terra, né chi come me ha sperimentato sulla sua pelle (qui la retorica s’impenna) la difficoltà di inserirsi in una città nuova, accogliente e generosa sì, ma pur sempre “altra” dal luogo in cui siamo nati (una prosa degna del Verga, Abagnale è il verista del XXI° secolo).

La Campania, la Nostra terra, vive in noi e ci unisce. Ci fa comunità nella comunità (che palle!). Sembra scontato ma non lo è (la punteggiatura è un’opinione) dire che l’amicizia accorcia le distanze, fa sentire a casa anche quando si è lontani (Abagnale, ribadisco, mia madre neanche se la ricorda Napoli e poi è venuta a Milano, non è emigrata in Australia, siamo nel 2011, Napoli-Milano si fa in quattro ore col Frecciarossa).

Per questo, insieme ad un gruppo (Abagnale, si dice “assieme a” o “insieme con”, “insieme a” è un errore) di amici, ho costituito l’associazione Napoli a Milano (www.napoliamilano.it) (Abagnale, adesso collego il computer a mia madre 93enne, così si fa una bella navigata in internet e ti viene a trovare, mentre si legge un pdf con le istruzioni per costruirsi un bel sito web 2.0 in php) per rivivere e far rivivere le emozioni e le tradizioni della nostra beneamata terra anche a chi, per necessità, l’ha dovuta lasciare.

(Adesso viene la parte migliore)
Comunque mi riprometto che (che?), trascorso (trascorso???) le festività natalizie, di (di? che? di? trascorso? aiutoooo, è il marasma grammaticale!!!) organizzare il primo raduno dei campani residenti a Milano. Sarà mia cura comunicarti la data, il luogo e le modalità di partecipazione (Abagnale, può darsi che sia colpa delle poste Italiane, ma le festività sono trascorse da un pezzo, ma del raduno non si è ancora sentito un cenno. Non è che stai aspettando di arrivare sotto elezioni?)

Sappi che in me Tu troverai sempre un Amico (la disinvoltura nell’uso delle maiuscole delle minuscole è direttamente proporzionale alla fantasia linguistica) pronto ad ascoltare, consigliare e condividere gioie e dolori.

Io ed i miei collaboratori, per quanto riguarda l’attività di Consigliere Comunale, siamo e restiamo a Tua disposizione. (Ah sì? Abagnale, sei consigliere comunale dal 2006, chi ti ha mai visto quei intorno? da dove sbuchi nel 2011?)

A Te (e basta con ‘sta confidenza e piaggeria!) e a tutta la Tua famiglia giungano graditi (decidiamo noi se sono graditi o no) i miei migliori auguri (perché, ne hai anche di peggiori?) di Buon Natale e di un prospero Anno Nuovo.

con amicizia (conosci il detto sugli amici e sui nemici?)

Carmine Abagnale

Annunci

Hello!
My name is Tracy,I was impress when i come to your  contact at http://www.kataweb.it and I picked interest in getting in contact with you so as to know you better. I wish to be in relationship with you and may be discover ourselves as real friends/partners. If you’re interested then write me back here ok. I will be happy seeing a good response from you so that i can send you my picture and tell you more about me.Thanks and remain blessed.
Greetings,
Tracy.

Ciao!
Il mio nome è Tracy, mi è stato impressionare quando vengo a contatto a http://www.kataweb.it e ho preso interesse a entrare in contatto con voi, per conoscervi meglio. Vorrei essere in rapporto con voi e può essere scoprire noi stessi come veri amici / partner. Se sei interessato poi mi scrivi di nuovo qui ok. Sarò felice di vedere un buona risposta da voi in modo che io possa inviare le mie foto e dirvi di più su me.thanks e restano benedetta.
Saluti,
Tracy.

Se fosse successo in una miniera italiana, le cose sarebbero andate così:
1° giorno: tutti uniti per salvare i minatori, diretta tv 24h, Bertolaso sul posto.
2° giorno: da Bruno Vespa plastico della miniera, con Barbara Palombelli, Belen e Lele Mora.
3° giorno: prime difficoltà, ricerca dei colpevoli e delle responsabilità: BERLUSCONI: colpa dei comunisti; DI PIETRO: colpa del conflitto d’interessi; BERSANI: … ma cosa … è successo?? BOSSI: sono tutti terroni, lasciateli là; CAPEZZONE: non è una tragedia è una grande opportunità ed è merito di questo governo e di questo premier; FINI: mio cognato non c’entra.
4° giorno: TOTTI: dedicherò un gol a tutti i minatori.
5° giorno IL PAPA: faciamo prekiera a i minatori ke in qvesti ciorni zono vicini al tiavolo!!
6° giorno: cala l’audience, una finestra in Chi l’ha visto e da Barbara d’Urso che intervista i figli dei minatori: “dimmi, ti manca papà?'”
dal 7° al 30° giorno falliscono tutti i tentativi di Bertolaso, che viene nominato così capo mondiale della protezione civile.
Dopo un mese, i minatori escono per i fatti loro dalla miniera, scavando cunicoli con le mani. Un anno dopo, i 33 minatori, già licenziati, vengono incriminati per danneggiamento del sito minerario.
Ma è successo in Cile…. ci siamo salvati!!!

Grazie a Paolo per l’invio!

180904032-5f80e1c0-711d-413f-a67e-92df1fe1952aPensavo: Berlusconi va a trovare Putin in occasione del suo compleanno. Potrebbe telefonargli, mandargli un biglietto, una mail, un regalo e invece ci va di persona. Strano, mi dicevo, nonostante le fanfaronate il premier ha un’età, acciacchi, politici e familiari, due divorzi in una botta sola, da Veronica e Gianfranco. Inoltre, quello di Vladimirovic è un compleanno come un altro, sono 58, non una cifra tonda.
Poi ho visto il calendario che hanno regalato a Putin: se questo è il regalo presentabile, posso solo immaginare quali siano gli altri e come si svolgerà la festa privata in dacia. Ecco spiegata la presenza del nostro primo ministro. Ci voleva così poco.

Download Title

Questa era un copertina rock, non quella stronzata (cito dalla Terza Carica dello Stato) di Rolling Stone.

Peccato che non fu mai pubblicata.

ber