Perché siamo un Paese senza Ministero della Salute e con un dicastero per “l’attuazione del programma” (un’iperbole dell’assurdo) e uno per la “semplificazione legislativa”, affidato, peraltro, ad una personalità ricca di “complicazioni” come Calderoli? Potrei rispondermi che sarebbe stato peggio mantenere il Ministero della Salute e affidarlo al dentista Calderoli, ma la cosa non mi consola ugualmente.